IL FILTRO DEL GASOLIO, QUANDO LO DEVO CAMBIARE?

Data: Novembre 06, 2017

IL FILTRO DEL GASOLIO, QUANDO LO DEVO CAMBIARE?

Dipende da quanto lo sporchi, verrebbe da dire. E sarebbe la risposta giusta.

Secondo gli standard moderni il filtro va sostituito in media ogni 60.000 km ma c’è chi consiglia di farlo prima, è solo una questione di punti di vista o c’è un reale motivo?

Il ruolo di questo componente è quello di impedire l’ingresso nell’impianto di alimentazione di impurità solide che causano una serie di problemi più o meno gravi. Con conseguenze più o meno gravi.

Ogni volta che fai rifornimento insieme alla benzina o gasolio, che hai profumatamente pagato, ti carichi anche altre sostanze (queste gratis) come acqua, morchia e impurità varie.

Questi elementi si introducono nel serbatoio per svariati motivi.

La presenza di acqua può dipendere da una cisterna usurata, può formarsi per condensa, o essere un residuo del lavaggio del serbatoio usato per il trasporto. Da tenere presente che il biodiesel è igroscopico quindi goloso di acqua e ne cattura ogni singola particella.

Le alghe, morchie e altre formazioni batteriche, che vivono e si riproducono solo in presenza di acqua, possono provenire da una cisterna non perfettamente curata ed è compito del filtro intercettarle.

Altre impurità di origine non organica derivano principalmente dall’usura dei macchinari utilizzati per la produzione, stoccaggio e trasporto del carburante stesso. Non è raro trovare micro-frammenti di sostanze che hanno ben poco a che fare con i carburanti ma che creano enormi danni al motore se non intercettati dal filtro.

Le cause per le quali un filtro del gasolio è da sostituire possono essere molte ma sono tutte legate alla qualità del carburante.

Ma che cosa può succedere al mio motore?

I danni provocati da questi agenti inquinanti sono fastidiosi e possono essere decisamente costosi, sopratutto nei mezzi di ultima generazione.

I sintomi possono essere un ritardo della risposta del motore, spegnimenti o mancamenti improvvisi sopratutto a bassi giri e difficoltà di accensione.

Considerato che il filtro quando è sporco deve essere sostituito e non si può “dare una sistematina”, conviene fare attenzione a dove si fa rifornimento e prestare la massima attenzione alla qualità del carburante utilizzato, per quanto possibile.

Possiamo scegliere di rifornirci con Benzina e Diesel già additivati dalla casa madre ma il costo diventa spesso proibitivo per i vantaggi che si ottengono. Finora sembrava la scelta migliore, anche se adottata da pochi in quanto ritenuta non conveniente.

Ti consigliamo di utilizzare un detergente, un fluidificante e uno stabilizzatore

Ti potrebbe interessare…

AdBlue, come correre ai ripari

AdBlue, come correre ai ripari

  Come detto in un precedente articolo, AdBlue è un additivo che viene “spruzzato” sui gas di scarico dei motori...

Autore: DAP Fuel

Fondatore e titolare di DAP Fuel. Da sempre appassionato di tecnologia, ho prestato opera per oltre 25 anni nel settore automotive come tecnico specializzato e tecnologo di processi meccatronici. Aumentare la resa dei processi produttivi è sempre stato il mio lavoro. Da 6 anni mi occupo di aumentare il rendimento del carburante per le aziende che ne fanno un largo consumo.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest